blog di ebette

Nuovo bivacco alpino in Valle Curciusa

Promosso dal GPS delle Cime, sarà un tassello essenziale per la realizzazione di una nuova via alta tra la Valle Mesolcina e la Val Sangiacomo (I), il “Sentiero Gran Panorama”.
Nato nel 2006 quale associazione non a scopo di lucro, con sede a Mesocco, il GPS delle cime promuove la creazione del sentiero alpino “Gran Panorama”, con demarcazione principalmente bianco/blu/bianco.
Il percorso partirà da Nufenen per arrivare sulle pendici prealpine del Corno di Gesero, sul passo del San Jorio, il quale è già stato in parte tracciato negli anni addietro sempre dal GPS delle Cime.
In questo frangente, per permettere agli escursionisti di percorrere questa splendida nuova via alta dalle viste imperdibili e dagli ambienti alpini selvaggi, l’associazione sta costruendo un nuovo rifugio a 2400mslm.
Durante l’estate 2018, grazie agli attivi, sono stati posati i basamenti in cemento e la struttura in acciaio che sosterrà la struttura in legno, che si vorrebbe ultimata entro l’inverno 2019.
Le dimensioni dell’edificio avranno capienza per 11 posti letto fissi, con possibilità di estenderli fino a 15. Verrà costruita anche una piccola cucina che permetterà agli escursionisti di avere un ristoro consono ai bisogni odierni.
La struttura, di forma triangolare, riprende il concetto architettonico di rifugi simili già costruiti sul territorio di Mesocco, come ad esempio il rifugio Piz Pian Grand.
Oltre ad essere attrattivo per gli escursionisti più esperti, il rifugio sarà anche raggiungibile dal sentiero San Bernardino - Val de Vignun - Alp de Rog - San Bernardino e Passo dello Spluga - Passo dell’Areua - Alp de Rog - San Bernardino, e perciò molto interessante anche per chi vorrà cimentarsi in escursioni facili.
Questo bivacco, dal valore complessivo di CHF 125’000, diverrà dunque un punto di riferimento per tutti gli amanti della montagna, e contribuirà in modo sostanziale a dare uno slancio all’offerta turistica di tutta la valle Mesolcina.
Per permettere la realizzazione di questa importante opera, il GPSdc è ora alla ricerca dei fondi che permettano l’acquisto del materiale necessario nonchè il finanziamento degli ingenti costi di trasporto tramite elicottero. La manodoperà verrà verosimilmente tutta prestata dagli attivi dell’associazione, che con tenacia e passione si adoperano per far vivere le nostre bellissime alpi.
Ad opera ultimata, la valle Mesolcina sarà dotata di uno dei rifugi alpini non custoditi più all’avanguardia della Svizzera Italiana, un fiore all’occhiello incastonato fra ghiacciai, alpi incontaminate e cime mozzafiato da 3000mslm e più.
Per finanziare il progetto è stato aperto un conto bancario tramite la piattaforma eroilocali.ch di Reiffeisen, dove tutti hanno la possibilità di fare una donazione. Tutti i donatori avranno in contropartita vari gadgets quali pullover, t-shirts, borraccie e altro ancora.

Condividi contenuti